massimo-filippi

CULT

Il Neutro, forse

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
«Loro mi diranno, “Come si chiama?”, e io cosa risponderò loro?», domanda concitato e affamato, Mosè sul monte Oreb al roveto in fiamme, che arde ...
CULT

Il terzo Geschlecht: lancia e manomissione

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
Se la ripetizione ci rende malati, è anche in grado di guarirci Gilles Deleuze, Differenza e ripetizione Di ciò che scrivo in questo stesso momento, ciascun ...
CULT

Bernard Stiegler e il silenzio del simbolico

di Emilio Maggio e Massimo Filippi
Il pensiero del disastro, se non estingue il pensiero, ci rende indifferenti alle conseguenze che questo stesso pensiero può comportare per la nostra vita, elimina ...
CULT

L’aroma dell’autunno oltre il capitale

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
Il trickster è, in ogni fiaba, favola e mito, figura irresolubilmente ambigua. Figura che gioca brutti scherzi e tiri mancini, per poi apparire come magico e ...
CULT

Le trame del linguaggio

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
Ogni buco è un'impronta lasciata da almeno un'altra trama, che si estende al di sotto. Reza Negarestani, Cyclonopedia Parlare di linguaggio utilizzando il linguaggio, aspettarsi di ...
CULT

Niente di meno

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
Uno. Linea dritta, asta eretta, lancia o osso aguzzo attorno a cui la mano dell’Uomo si avvolge e impugna. Forma, arma, fallo. Zero. Carne ...
CULT

I mondi alla fine del mondo

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
«Il mondo sta per finire. La sola ragione per la quale potrebbe durare, è che esiste. Com’è debole questa ragione, se la paragoniamo a tutte quelle ...
CULT

Da un (sintomo) sospetto all’altro

di Bianca Nogara Notarianni e Massimo Filippi
«L’uomo al quale non riesce qualcosa preferisce addebitare questo suo insuccesso alla cattiva volontà di un altro anziché al caso. La sua irritazione si ...
CULT

Nella passione del vortice

di Enrico Monacelli e Massimo Filippi
Ora piccoli uccelli volarono stringendo sul vortice ancora aperto. Un tetro frangente biancastro urtò contro i suoi bordi ripidi. Poi tutto crollò, e il gran ...