ROMA EUROPA MONDO

Tags: DIRITTI

Piazza Fontana: a migliaia in corteo a Milano contro ogni fascismo

Ieri un migliaio di persone hanno sfilato a Milano per ricordare la strage di Piazza Fontana del 12 Dicembre 1969. Quel giorno, una bomba esplose nella Banca Nazionale dell’Agricoltura causando la morte di 17 persone e il ferimento di 88.

La strage di 47 anni fa fu l’avvio della strategia della tensione che si dipanò per tutti gli anni ’70. “Destabilizzare per stabilizzare”, così potrebbe essere riassunta la strategia degli apparati di potere di quegli anni. Una serie di stragi tra le quali quella di Piazza della Loggia a Brescia e quella del treno Italicus con lo scopo di porre un freno alle lotte, normalizzare e “responsabilizzare” il più grande partito comunista dell’Europa occidentale e rafforzare il blocco di potere.

La colpa del massacro del 12 Dicembre fu immediatamente buttata sulle spalle dei movimenti anarchici dai vari apparati dello Stato. Giuseppe Pinelli, trattenuto illegalmente, morì precipitando dal quarto piano della Questura di Milano. Pietro Valpreda fu riconosciuto innocente dopo un lunghissimo calvario

.

Per quella strage sono stati ritenuti responsabili (anche se non più processabili perché già assolti in via definitiva negli anni ’80) i neofascisti veneti di Ordine Nuovo Freda e Ventura.

Ieri un corteo quindi. C’è una parte della città che, nonostante lo scorrere del tempo, non dimentica.

La manifestazione è partita da Piazza Fontana e si è conclusa in Piazza della Scala, davanti a Palazzo Marino.

Un corteo declinato anche all’oggi, con un passaggio sotto il Consolato Turco dove è stata contestata la politica sempre più autoritaria del governo Erdogan con gli arresti dei deputati del partito laico, filo-turco e di sinistra HDP, la guerra nel Sud-Ovest del paese contro la minoranza curda e l’intervento in Siria in funzione anti-turca.

Triste il fatto che la manifestazione si sia svolta nello stesso giorno in cui il murales antifascista di Niguarda dedicato alla partigiana Lia è stato deturpato da simboli neofascisti per l’ennesima volta.


*Tratto da Milano in Movimento

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: mercoledì 15 marzo 2017
Pratiche di solidarietà ai confini d'Europa da Atene a Taranto

Pratiche di solidarietà ai confini d'Europa da Ate...

@ Esc Atelier
Tags: mercoledì 15 marzo 2017
Ni Una Menos: un percorso in movimento

Ni Una Menos: un percorso in movimento

@ Communia
Tags: sabato 18 marzo 2017
Dopo l’8 marzo, riflessioni e intersezioni dall’Argentina all’Italia

Dopo l’8 marzo, riflessioni e intersezioni dall’Ar...

Esc Atelier
Tags: giovedì 23 marzo 2017
Presentazione del libro

Presentazione del libro "Tecniche di esposizione" ...

@Esc Atelier
Tags: giovedì 23 marzo 2017
 Dopo Lotto Marzo a Roma: Assemblea pubblica Non una di meno

Dopo Lotto Marzo a Roma: Assemblea pubblica Non u...

@ Communia

Articoli più letti

Cosa rimane dello spazio europeo?

Cosa rimane dello spazio europeo?

14 Mar 2017 - DINAMOpress
12 marzo 1977

12 marzo 1977

12 Mar 2017 - Davide Germani
Tentativi di censura al Cinema Aquila

Tentativi di censura al Cinema Aquila

12 Mar 2017 - redazione