ROMA EUROPA MONDO

Tags: EUROPA

Francia, una "vittoria" che non entusiasma nessuno

Prime impressioni a caldo da Parigi, poco dopo i risultati elettorali che attribuiscono a Emmanuel Macron la presidenza della repubblica francese.



Ni patrie, ni patron!
Le Pen al ballottaggio: non chiamiamoli populisti
Francia, la polizia uccide ancora

Una vittoria senza entusiasmo, come sono costretti a riconoscere gli stessi media francesi. Una vittoria che non sorprende, che era ampiamente prevedibile a partire da un minimo realismo politico. Il richiamo alla compattezza del fronte repubblicano ha funzionato solo in parte. Chi è andato a votare, tra i giovani, lo ha fatto all'insegna del pragmatismo e dell'intelligenza tattica e strategica (non certo all'insegna dei valori della République).

Molti sono andati a votare e nello stesso tempo sono scesi in piazza ritrovandosi nello slogan Ni Macron, ni Le Pen. E questo non perché non si sia espresso in queste settimane, quotidianamente, un forte sentimento antifascista nella società francese. Soprattuto nelle mobilitazioni che si sono date a Parigi e non solo. Ma perché il fronte repubblicano, i suoi valori, la sua costituzione materiale, si potrebbe dire, si sono sgretolati da tempo. Con l'état d'urgence prolungato, le morti in banlieue, l'approvazione della Loi travail con la procedura speciale permessa dall'articolo 49.3.

Resta comunque il dato record dell'astensione al 25,3% (il più alto al ballottaggio dal 1969) e l'altissimo numero di schede annullate dagli elettori che, secondo alcuni quotidiani francesi, sarebbe addirittura del 12%.

Non pochi si sono astenuti, “a sinistra”, ancor più dopo che Macron ha chiuso, con l'arroganza da sapientello che lo contraddistingue, alla proposta di Mélenchon, che gli chiedeva di rivedere il suo progetto di modifica del codice del lavoro (approfondimento della Loi travail) per dare un segnale al “suo” elettorato. Che poi Mélenchon, nonostante molte ambiguità e limiti dei suoi discorsi, si sia rimesso alla base e alla piattaforma per decidere sull'orientamento elettorale pare comunque una scelta sensata in vista delle legislative.

Intanto, Marine Le Pen ha già annunciato lo scioglimento del Front National per costituire una forza più genericamente “anti-mondialista”. Bisognerà vedere in quanti la seguiranno all'interno del suo partito (le presidenziali hanno coperto una spaccatura interna al Front National che ora potrebbe riemergere).
Le elezioni legislative di giugno saranno importantissime e determineranno con ogni probabilità una situazione inedita di cohabitation sulle ceneri del sistema politico”, come scrivevamo nel nostro editoriale successivo al primo turno. In ogni caso, Macron ha precisato a più riprese, e anche in questo secondo turno, che governerà per ordonnance (la costituzione glielo permette: non è sbagliato dire che il Presidente francese ha più poteri di quello americano rispetto al Parlamento). In questo modo, il leader di En Marche! prepara il terreno per una situazione di forzatura continua degli equilibri e delle procedure parlamentari, del resto già sperimentata da Valls con il ricorso alla procedura d'urgenza per approvare la Loi Travail.

La situazione pare eccellente per una stagione di mobilitazioni di lungo periodo, come il corteo del 1 maggio ha mostrato (un corteo già consapevole del risultato elettorale).


Mentre ancora andava avanti la propaganda elettorale, l'altro ieri sera nella banlieue di Massy, la polizia ha provocato la morte di un altro ragazzo, a seguito di un fermo di polizia. In serata sono subito esplosi dei tumulti, degli émeutes.

La Francia sarà un laboratorio di lotte ancora per molto, di questo possiamo starne certi. Già stasera c'è una convocazione a Belleville, attesa da un grosso dispiegamento di polizia.


Aggiornamento h 23

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 16 giugno 2017
La Notte Bianca

La Notte Bianca "Sui Generis"

@ La Sapienza
Tags: sabato 17 giugno 2017
Dacci oggi il nostro debito quotidiano (presentazione + cena)

Dacci oggi il nostro debito quotidiano (presentazi...

LSA 100celle
Tags: giovedì 22 giugno 2017
Il governo della povertà ai tempi della (micro)finanza

Il governo della povertà ai tempi della (micro)fin...

@ Esc Atelier
Tags: domenica 25 giugno 2017
RadioSonar for Kurdistan e Degustazione Azadi Beer Freedom

RadioSonar for Kurdistan e Degustazione Azadi Beer...

@ C.S.O.A. Sans Papiers
Tags: giovedì 06 luglio 2017
Presentazione de

Presentazione de "La Santa Crociata del Porco" con...

@ Csa La Torre

Articoli più letti

Il Portogallo brucia. Ed è colpa del capitale

Il Portogallo brucia. Ed è colpa del capitale

20 Giu 2017 - Roberto Sciarelli
Cosa c’è dietro la torre che brucia a Londra

Cosa c’è dietro la torre che brucia a Londra

16 Giu 2017 - Antonello Sotgia*
Airbnb e la città

Airbnb e la città

14 Giu 2017 - Sarah Gainsforth