europa

EUROPA

Macron non molla, i gilets jaunes neppure! 

di Plateforme d'enquêtes militantes
Nonostante la repressione poliziesca e il tentativo di Macron di fare concessioni economiche nella speranza di rinsaldare una qualche unità nazionale, il movimento dei gilets jaunes continua ad espandersi. Oggi, V sabato di mobilitazione in tutta la Francia
EUROPA

Cronache francesi

di Toni Negri
La frattura sociale determinata in Francia dai gilets jaunes non sembra affatto ricomporsi: "Nessuno al momento può dire se questa moltitudine, anziché popolo, non voglia rappresentarsi come classe. Macron lo sospetta, lo teme"

roma

MOVIMENTO

Le parole di Antonello

di redazione
Domenica 16 al Nuovo Cinema Palazzo un’iniziativa per ricordare Antonello Sotgia: una esposizione del suo straordinario patrimonio di disegni disseminati negli anni. Qui vogliamo ricordarlo con una raccolta di tutti gli articoli che ha scritto per DinamoPress. Le parole e la sua scrittura che ci accompagnano ancora

mondo

MONDO

Termina la Cop 24, vincono ancora le lobby della grande industria

di Riccardo Carraro
Deludente conclusione della conferenza polacca. Solo una norma procedurale a seguito degli Accordi di Parigi, per il resto nessuna decisione concreta per ridurre i gas serra e tutto rimandato al futuro, mentre per gli scienziati abbiamo solo 12 anni di tempo per fermare la catastrofe.

italia

ITALIA

Di calze, violenza e dissenso. Su Perugia

di Maria Rosaria Marella
Nel 2014 a Perugia una mobilitazione femminista contesta la manifestazione delle "sentinelle in piedi" convocata per contrastare la cosiddetta ideologia gender. Alcune compagne saranno condannate per oltraggio nei confronti delle forze dell’ordine. Un appello per esprimere solidarietà a Roberta e Michela

cult

CULT

La Società della Performance: della vita come prodotto

di Tiziano Cancelli
Il libro di Maura Gancitano e Andrea Colamedici "La società della performance: come uscire dalla caverna" (edizioni Tlön) affronta la questione della performance in quanto dispositivo essenziale di riproduzione della società neoliberale, individuando anche un modo per uscirne
CULT

Si scrive “privati”, si legge “comune”

di Lorenzo Coccoli

Il libro “Il diritto dei privati” di Widar Cesarini Sforza del 1929 è stato ripubblicato con la curatela e un saggio di Michele Spanò per i tipi di Quodlibet. Il libro s’inscrive nella tradizione giuridica istituzionalista e sostiene che il diritto si produce in modo immanente alla società. Un punto di partenza indispensabile per ripensare la questione del comune

video

Present is feminist: il video di WitchesPro per DINAMOpress

Non una di meno contro il DdL Pillon! Stato di agitazione permanente verso il 24 novembre!

NON UNA DI MENO CONTRO IL DDL PILLON! Non una di meno contro il DdL Pillon! Stato di agitazione permanente verso il 24 novembre! Ci volete ancelle, ci avrete ribelli! Ci vogliono ancelle, portiamo la tunica rossa e la cuffia bianca simbolo del potere politico, clericale e economico che tenta di allungare le mani sulle nostre vite, i nostri corpi e le nostre scelte. Siamo donne, lavoratrici, precarie, migranti, madri, singole, lesbiche, trans a cui il governo vuole togliere spazio e autonomia. Il disegno di legge del senatore pillon è una vendetta nei nostri confronti e noi lo bloccheremo. Vogliamo separarci se non amiamo più, se viviamo condizioni di violenza domestica, psicologica e sessuale. Vogliamo farlo tutelando la serenità dei nostri figli e le loro esigenze. Vogliamo condividere la cura dei nostri figli se e solo se ce ne sono le condizioni, senza che ci sia l’obbligo della mediazione familiare che tratta i minori come un patrimonio da spartirsi. Vogliamo poter denunciare abusi e violenze senza rischiare che per questo ci venga tolto l’affido. Vogliamo liberarci dalla violenza della povertà, della precarietà, della dipendenza economica. Vogliamo un reddito di autodeterminazione incondizionato e individuale per poter essere libere di decidere. Vogliamo scegliere sempre e senza ostacoli se avere o non avere figli.La maternità è desiderio non un destino. Vogliamo gli obiettori fuori dagli ospedali e dai consultori. Vogliamo poter decidere senza obblighi né condizionamenti se e come interrompere una gravidanza non desiderata o rischiosa per la nostra vita. Vogliamo la pillola abortiva ru486 senza ospedalizzazione fino a 63 giorni anche nei consultori. Vogliamo consultori laici e aperti alle assemblee delle donne per incontrarci e decidere della nostra salute, della nostra sessualità, della nostra maternità. Ci vogliono ancelle, ci avranno ribelli! Saremo in piazza a Roma il prossimo 24 novembre contro la violenza, sistematica e strutturale, contro le donne, le migranti e le soggettività libere. Sarà marea femminista senza bandiere e simboli identitari. I nostri corpi ci rappresentano. Lo stato di agitazione permanente verso lo sciopero globale delle donne dell’8 marzo è appena cominciato! Video per Non Una Di Meno - Roma realizzato da: Gaiardona Dg, con contributi di Lau Chourmo, Rossella Granata

Pubblicato da NON UNA DI MENO su Lunedì 12 novembre 2018

Roma, sgombero del Baobab a Tiburtina

Lo sgombero del Baobab Experience avvenuto questa mattina a Stazione Tiburtina. Per le persone mandate via da piazzale Maslax non è stata proposta nessuna soluzione alternativa

Pubblicato da DINAMOpress su Martedì 13 novembre 2018

San Lorenzo contro Forza Nuova

SAN LORENZO IN PIAZZA PER IL QUARTO GIORNO CONSECUTIVO A San Lorenzo, una nuova manifestazione per respingere i fascisti: «Basta strumentalizzazioni sul corpo di Desirée». La mobilitazione indetta da ANPI, Non Una di Meno, associazioni e residenti sbarra la strada a Forza Nuova. Duemila persone in piazza dell'Immacolata, 200 antifascisti a presidiare l'ingresso di San Lorenzo da Porta Maggiore, altre decine in giro per il quartiere per prevenire provocazioni. I fascisti di Forza Nuova rimangono a Porta Maggiore, circondati dalla polizia. Durante la manifestazione tantissimi interventi: dall'ANPI a Non Una Di Meno, dagli spazi sociali agli abitanti del quartiere, dalle donne del quartiere a quelle del movimento femminista argentino. LA VIDEOSTORY DI Luca Cafagna

Pubblicato da DINAMOpress su Sabato 27 ottobre 2018

speciale fachinelli

MOVIMENTO

L’attuale inattualità di Elvio Fachinelli

di DINAMOpress
Speciale di DINAMOpress dedicato a Elvio Fachinelli. Medico psichiatra, psicanalista, militante, Fachinelli ha percorso il lungo ’68 italiano attraversando i "fuori tema" del femminismo, della sessualità, dell'infanzia, dei movimenti non autoritari. Nell’epoca oscura che stiamo vivendo, questa raccolta di testi e interventi vuole riscoprire l’“attuale inattualità” del suo pensiero