ROMA EUROPA MONDO

Tags: COMMONS

Facebook censura chi combatte Daesh

Censurata la campagna francese contro Daesh e per il sostegno al PKK. L'ultimo di una lunga serie di episodi [...] contro il movimento curdo. In Italia era toccato a Zerocalcare e Rojava Calling.

Il sito francese streetpress* ha denunciato la censura della campagna “Fuck Daesh, support PKK” da parte di Facebook. Tre giorni dopo gli attentati di Parigi, alcuni collettivi antifascisti francesi avevano lanciato su change.org una petizione per chiedere di: sostenere attivamente tutte le forze curde che stanno combattendo i miliziani del Califfato islamico (YPG/YPJ/PKK); eliminare il PKK dalle liste del terrorismo internazionale; interrompere le relazioni con la Turchia di Erdogan, l’Arabia Saudita e tutti i paesi che sostengono Daesh. La compagnia di Palo Alto avrebbe spiegato al sito francese che sul social network non c’è spazio per contenuti a favore di organizzazioni terroristiche. E il PKK, almeno secondo Stati Uniti e Unione Europea, sarebbe una di queste.

Ma non si tratta di un episodio isolato: esiste una lunga serie di antecedenti che hanno visto facebook schierato contro il movimento curdo, nelle sue molteplici articolazioni, comprese quelle legali. Un articolo del Corriere della Sera del 24 febbraio 2012, analizzando “le regole base che si devono seguire per vivere nel mondo di FB”, afferma che per quanto riguarda la Turchia è vietato postare: attacchi contro Atatürk, bandiere turche bruciate, contenuti che appoggiano il PKK, mappe del Kurdistan. Il quotidiano italiano sottolinea il carattere politico di tale censura e la violazione della libertà di espressione, chiedendosi se queste regole riguardino solo gli utenti turchi o anche tutti gli altri.

L’anno successivo dalle parole si passa ai fatti. Ad ottobre 2013 il BDP, partito curdo “della Pace e della Democrazia”, denuncia la chiusura di numerosi profili di esponenti politici, della pagina principale dell’organizzazione e di quella della sezione di Istanbul. FB giustifica questa scelta con la presenza di contenuti legati al PKK, senza peraltro mai rispondere alle richieste dei curdi di specificare di quali contenuti si trattasse. A questo primo round di censure segue un incontro a Londra tra accademici ed esperti del partito curdo e Richard Allan, Direttore generale per l'Europa di Facebook. In un primo momento sembra che la compagnia sia disponibile ad andare incontro alle richieste presentate dei membri del BDP, aggiornando i parametri del social network alla luce dei negoziati di pace tra Turchia e PKK e della svolta politica dell’organizzazione. Ma le “impressioni positive” durano ben poco. Meno di un mese dopo l’incontro, infatti, FB chiude anche la nuova pagina del partito curdo. Motivo: l’utilizzo della parola “Kurdistan”.

A questo ennesimo attacco, il BDP, guidato da quel Selhattin Demirtaş che è oggi a capo dell’HDP, risponde con un comunicato stampa in cui chiede l’immediata riattivazione della pagina e denuncia la stretta collaborazione tra Facebook e il governo di Erdogan. Secondo il leader curdo, la compagnia ha barattato la censura dei loro contenuti con l’accesso al grande bacino di utenti turchi, con alcune agevolazioni rispetto al mercato pubblicitario e con la possibilità di aprire in Turchia una sede dell’azienda.

Ma le censure nei confronti dei contenuti pro-kurdi non si limitano al contesto turco. Come redazione di DINAMOpress abbiamo potuto constatare direttamente almeno due episodi accaduti di recente ad utenti italiani.

Nel primo, la vignetta disegnata dal fumettista Zerocalcare per denunciare il massacro di civili compiuto dall'esercito turco a Cizre è stata improvvisamente rimossa da tutti i profili. Un messaggio avvisava le pagine che l'avevano postata (compresa la nostra) che l'immagine violava non meglio precisati standard di Facebook. Probabilmente, anche in questo caso l'azienda americana ha utilizzato, dopo puntuali segnalazioni, il pretesto della bandiera del PKK per eliminare un contenuto politico scomodo. Poche ore dopo, anche la seguitissima pagina della campagna di solidarietà “Rojava Calling” è stata temporaneamente bloccata. FB ha inviato un messaggio agli amministratori sostenendo che la pagina fosse fuori dai “canoni standard”. Che anche in questo caso non venivano specificati. Dopo alcune ore e diverse proteste Rojava Calling è tornata accessibile. Dettaglio inquietante è che una pagina attiva da quasi un anno, con migliaia di like (oltre 13.000), venisse oscurata proprio mentre gli attivisti della Carovana internazionale per Kobane entravano nella città di Cizre per testimoniare quello che era accaduto nei nove giorni di assedio da parte dei militari di Ankara.

Del resto, almeno da Gezi Park, Erdogan è ossessionato da tutti i social network e ha più volte bloccato o rallentato youtube e, soprattutto, twitter (record mondiale di censure, 4.363 soltanto nei primi sei mesi di quest’anno). La Turchia è tra i sei paesi al mondo che hanno impedito l’accesso ai social media nel 2015. L’unico a far parte della NATO e l’unico candidato all’adesione all’Unione Europea. Gli altri sono: Iran, Cina, Vietnam, Pakistan e… Corea del Nord. Negli ultimi mesi, e in particolare durante i due periodi di campagna elettorale, anche la stampa (turca e internazionale) ha subito un violento attacco da parte del governo: giornali chiusi, redazioni intere tratte in arresto, giornalisti minacciati ed espulsi. E questo è soltanto l’apice di un attacco sistematico al mondo dell'informazione che Erdogan ha condotto dopo aver preso il potere, facendo crollare la Turchia in tutti gli indici mondiali che riguardano la libertà di stampa e contendendo all’Iran il record globale di giornalisti incarcerati.

In una situazione di questo tipo, la pretesa neutralità di Facebook lascia il tempo che trova. La presenza del PKK all’interno delle liste del terrorismo internazionale è soltanto la giustificazione che l’azienda americana utilizza per sostenere il piccolo Sultano nella sua offensiva contro il popolo e il movimento curdo. Tutta la sensibilità dimostrata nei confronti delle vittime di Parigi, con l’applicazione per segnalare lo scampato pericolo e quella per sovrapporre la bandiera francese alla propria immagine del profilo, è svanita in poche ore. Probabilmente si è trattato soltanto dell’ennesima trovata pubblicitaria, visto che la memoria di quei morti è già stata offesa dall’ennesima censura contro chi gli assassini di Daesh li combatte veramente, sul campo, rischiando ogni giorno la propria vita.

*L'immagine utilizzata in questo articolo è stata presa da streetpress

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: martedì 18 luglio 2017
Giornate in Memoria del bombardamento del 19 Luglio 1943

Giornate in Memoria del bombardamento del 19 Lugli...

San Lorenzo
Tags: martedì 25 luglio 2017
Fresca Estate al Corto Circuito

Fresca Estate al Corto Circuito

@ Corto Circuito
Tags: giovedì 27 luglio 2017
Estate Garibaldina presenta: #BENESSERE

Estate Garibaldina presenta: #BENESSERE

@ Casale Garibaldi
Tags: giovedì 27 luglio 2017
Laboratorio di Cinema Forte Prenestino

Laboratorio di Cinema Forte Prenestino

@ Forte Prenestino
Tags: mercoledì 02 agosto 2017
Quel cancello verde

Quel cancello verde

@ Casa Internazionale delle donne

Articoli più letti

Il buonista, il vigliacco, il mostro

Il buonista, il vigliacco, il mostro

07 Ago 2017 - Tiziano Trobia
Possiamo non essere d'accordo con Maduro, ma non possiamo appoggiare una destra violenta

Possiamo non essere d'accordo con Maduro, ma non p...

10 Ago 2017 - Cristina Sada Salinas*
I treni per Cannes

I treni per Cannes

04 Ago 2017 - STAMP