ROMA EUROPA MONDO

Tags: ROMA

Vitello, mannaggia!

Se n'è andato Marco Vitello Marinelli, musicista, armonicista, artista, pittore, cuoco, giardiniere, collezionista, artigiano...

Roma, San Lorenzo, agosto del 2015: il quartiere era vuoto e il caldo soffocante. Eravamo in pochi a esser rimasti a Roma, ci davamo implicitamente appuntamento nel tardo pomeriggio davanti a un bar, per passare qualche ora insieme chiacchierando e bevendo una birra in compagnia.

Un giorno tirò fuori l'armonica e iniziò a suonare per gioco, gli dissi: “Ma sai che sei bravo davvero!”, lui “Dici? Grazie mille!”. Marco era così, sempre in ascolto e disposto a mettersi in discussione, entusiasta d'imparare, confrontarsi, forse non si rendeva nemmeno conto della persona eccezionale che era. Fu un suo caro amico ad intervenire: “Ma come non sai chi è Vitello? Non lo riconosci? È l'armonicista degli Shots in the Dark e prima ancora dei Red House”.

A quel punto mi tornarono in mente i primissimi anni delle superiori, alla musica che per almeno una generazione fu determinante nella mia formazione musicale e politica. Quelle canzoni furono la colonna sonora della mia adolescenza e dei primi anni di militanza. Mi insegnarono come interpretare e reagire alla violenza della società con cui, in quegli anni, mi iniziavo a confrontare. Mi mostrarono come ognuno poteva mettere a disposizione differentemente le proprie capacità per reagire collettivamente alla durezza e ingiustizia del mondo.

Ma questa era solo una parte, seppur decisiva, di Marco. E ogni volta che per caso mi mostrava un altro pezzettino di sé, ne scoprivo un nuovo aspetto. Marco infatti era un artista nel senso completo del termine, come pochi se ne trovano. Amava e conosceva l'arte, la musica e la storia, dipingeva, disegnava e scolpiva, era un cuoco accurato e raffinato.

Insomma Marco mancherai a tutti coloro che ti hanno conosciuto, perché anche a chi ti ha solo incrociato hai saputo lasciare qualcosa. Te ne sei andato come sei tu, gentile, riservato.

...e voglio solo aggiungere che la prossima volta che preparerete un piatto di lumache, fatelo spurgandole almeno per due settimane e dando loro solo farina, poi cuocetele per ore nel sugo e pulitele una ad una con attenzione. Anche se per voi non l'avreste fatto, usate questa premura gentile ai vostri amici...

Mannaggia Vitello.. è troppo presto.

* oggi, martedì 11 aprile 2017, ore 11-14 - Appuntamento al pub Sally Brown, in via degli Enotri 3 A/B (San Lorenzo, Roma)

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 16 giugno 2017
La Notte Bianca

La Notte Bianca "Sui Generis"

@ La Sapienza
Tags: sabato 17 giugno 2017
Dacci oggi il nostro debito quotidiano (presentazione + cena)

Dacci oggi il nostro debito quotidiano (presentazi...

LSA 100celle
Tags: giovedì 22 giugno 2017
Il governo della povertà ai tempi della (micro)finanza

Il governo della povertà ai tempi della (micro)fin...

@ Esc Atelier
Tags: domenica 25 giugno 2017
RadioSonar for Kurdistan e Degustazione Azadi Beer Freedom

RadioSonar for Kurdistan e Degustazione Azadi Beer...

@ C.S.O.A. Sans Papiers
Tags: giovedì 06 luglio 2017
Presentazione de

Presentazione de "La Santa Crociata del Porco" con...

@ Csa La Torre

Articoli più letti