approfondimenti

MONDO

Trovare l’amore rivoluzionario

Che cosa significa amare in una società dominata dal capitalismo, dall’egoismo, dal sessismo e dall’auto-alienazione

Amore. Quante poesie sono state scritte, quante opere d’arte sono state create, quanta inchiostro è stato versato sull’amore? È per una ragione che il genere umano da allora ha cercato di scoprire i segreti e la magia dietro l’amore. Allo stesso tempo, il significato e la sostanza dell’amore rimangono in qualche modo ancora un mistero. Oggi ci imbattiamo in diverse definizioni di amore. A volte si dice che l’amore potrebbe salvarci tutti, a volte ci viene detto che l’amore è cieco. A volte l’amore fa male, a volte l’amore significa guarigione. Ma di che tipo di amore stiamo parlando e in quali condizioni l’amore è significativo e libero?

Quando parliamo e pensiamo all’amore, dobbiamo considerare le condizioni sociali e politiche del nostro tempo. In una società che è modellata dal capitalismo, dall’egoismo, dal sessismo e dall’auto-alienazione, il significato e la sostanza dell’amore diventano sempre più oscuri e imperscrutabili. Possiamo a malapena afferrare e sperimentare l’amore.
Cosa vuol dire amare, nel caos in cui ci si trova bloccati tra l’anonimato, il consumo eccessivo, lo sfruttamento e la guerra? È spesso il caso, e forse anche comprensibile, che il nostro stesso concetto di amore è sviluppato per sfuggire alla vita sociale e per costruire una piccola e sicura bolla nel mezzo di una società violenta ed egoista. Ma questo tipo di approccio all’amore prima o poi porterà alla frustrazione e alla delusione.

 

Non solo le relazioni romantiche, ma anche il rapporto tra genitori e figli, tra uomo e natura e tra individuo e società devono essere analizzati e rivoluzionati per liberarci dalle catene del sistema capitalista e rendere possibile il vero amore.

 

Quando la società parla di amore di solito si riferisce ad una relazione monogama eterosessuale tra una donna e un uomo. Eppure, il più delle volte, quelli sono i più lontani dall’amore. Il sottile sessismo e la violenza, vestiti come l’amore, fanno parte della realtà di molte cosiddette “relazioni romantiche”. I media e la letteratura mainstream spesso romanticizzano e idealizzano stalking, molestie, aggressioni sessuali e ruoli di genere. Quindi l’amore deve essere analizzato considerando i meccanismi del sessismo, che allontanano l’amore da tutti noi.

La rivalità e l’isolamento tra/delle donne è uno degli strumenti più antichi e forti del patriarcato. La lotta contro il sessismo richiede una lotta contro la cultura delle donne nemiche, che ostacola un movimento femminista basato sulla solidarietà tra donne. In questo contesto, i social media hanno svolto un ruolo importante negli ultimi anni. Molte autrici femministe, giornaliste, blogger e attiviste sono stati in grado di influenzare lo sviluppo di una consapevolezza femminista. La varietà delle questioni discusse, comprese anche le prospettive queer, anti-colonial, anti-razziste e anti-capitaliste sul femminismo, sono state rese più disponibili attraverso i social media e ci hanno fornito la grande opportunità di connetterci e organizzarci a livello globale. Invece di intensificare l’eccessiva concentrazione sulla bellezza fisica e sul consumo, il potenziale dei social media può essere indirizzato all’empowerment e alla solidarietà, al fine di far emergere e crescere l’amore rivoluzionario.

 

 

Ma soprattutto è l’uomo patriarcale che deve imparare di nuovo l’amore e sperimentare una rivoluzione interiore. Le norme sociali imposte agli uomini devono essere respinte e combattute.

 

 

Per amare e rispettare veramente qualcuno, non importa in che modo, l’uomo patriarcale deve essere distrutto. Naturalmente, questo non significa che gli uomini dovrebbero morire, ma significa che la sessualità, la mascolinità e la personalità egemoniche devono essere combattute. Per amare in modo significativo, il desiderio di controllare e di essere al potere deve essere abbandonato per sempre. Le tradizioni e le mentalità patriarcali dominanti devono essere spezzate. Le “relazioni romantiche”, che sono spesso lontane dall’amore, sono in molti casi basate su ruoli di genere, scontri di potere e violenza di ogni tipo. Il matrimonio è spesso visto come un evento nella vita che porta sicurezza e amore. Eppure il matrimonio è uno dei mezzi più importanti di oppressione contro le donne, la società e la gioventù.

A causa della romanticizzazione del matrimonio, molte persone non conoscono le radici e la natura patriarcale di questa istituzione. Molti di noi non sono abbastanza consapevoli del fatto che il matrimonio sia uno strumento del patriarcato e del capitalismo che costringe le donne a svolgere il loro ruolo di riproduttore della famiglia, una forma di lavoro non pagato. Indipendentemente da come sia organizzato il matrimonio alternativo e democratico, rimane comunque un’istituzione del sistema patriarcale, tuttavia l’amore non può mai essere istituzionalizzato, specialmente negli stati della modernità capitalista. Ma anche lasciando da parte questo, possiamo vedere la violenza in molte relazioni e matrimoni. La socializzazione sessista delle persone spesso porta gli uomini a credere che sia normale essere violenti e offensivi, e dall’altra parte porta le donne a pensare che debbano subire violenze sessualizzate, fisiche e verbali.

Un’altra realtà che ha plasmato la società industrializzata da oltre un secolo è il crescente anonimato e l’alienazione tra le persone. Le affascinanti poesie e opere d’arte del periodo dell’espressionismo in Germania all’inizio del XX secolo ci mostrano come un’intera generazione di artisti e poeti si sentì minacciata dalla vita nelle grandi città, che è modellata dall’auto-disgregazione, dall’isolamento, dalla paura e dal “sento che il mondo finirà”. Oggi, la vita anonima nelle grandi città è una realtà per molti di noi. Solo ultimamente un compagno mi ha detto: “Nel mondo capitalista potresti morire in casa tua e nessuno se ne accorgerà da mesi”. C’è molta verità in queste parole. Spesso ci sentiamo a nostro agio con l’esperienza dell’isolamento e della solitudine, perché nessuno interverrà nella tua vita o starà sulla tua strada, nessuno ti chiederà nulla. Puoi persino morire a casa tua e a nessuno importerebbe. Ma il vuoto e la mancanza di significato prima o poi prenderanno il sopravvento.
Si perde di vista il significato della propria esistenza e vita. E più ci si allontana dalla società e dalla vita sociale, si ottiene l’infelice e la vita più insignificante e l’esistenza di ogni cosa apparirà.

L’amore, inteso come energia libera e coraggiosa di calore e solidarietà, dà significato. Quelli che conoscono l’amore, quelli che entrano in contatto con la magia dell’amore, non cercheranno più alcun senso superiore nella vita.

 

Non in denaro, ricchezza e profitto, ma nell’amore troviamo la vita e la libertà.

 

Questo potrebbe essere il motivo per cui così tante persone hanno sperato di trascinare un’altra persona nel loro isolamento. Ma non importa dove ci siano o meno una o due persone coinvolte, l’isolamento sarà l’isolamento. L’amore non può prosperare in isolamento. Non essere collegati alla vita collettiva e alle comunità porterà a frustrazione e insoddisfazione. Questo può essere osservato attraverso il rapporto tra genitori e figli. Quando i genitori continuano a cercare di prendere possesso del proprio figlio e di tenerlo lontano dalla società, è probabile che il bambino abbia paure e tenga una distanza dalla società pur non essendo in grado di sviluppare la propria autonomia. Tuttavia, un bambino cresciuto in una comunità amorevole e premurosa imparerà a conoscere il valore dell’amore, la vita collettiva e la solidarietà.

Quando le persone si amano, non devono vedersi l’un l’altra come una fuga dalla loro solitudine. Non devono consumarsi a vicenda, perché l’amore non è consumo. Siamo abituati al consumo, che lo ammettiamo o no.

 

Il capitalismo ci addestra a calcolare tutto, ecco perché abbiamo iniziato a pagare e calcolare quando si tratta di amicizie e amore.

 

Quando qualcuno ci ha deluso o ferito, o non ha “soddisfatto le nostre aspettative”, tendiamo a considerare questa persona come un rifiuto. Siamo arrabbiati con noi stessi per aver “investito” tempo, fiducia e amore, come se il nostro amore avesse un qualche valore di mercato o se il nostro amore fosse limitato. Ma l’amore non significa trovare un bene da possedere, truccarsi e vestire come vogliamo e buttarlo via non appena non ci soddisfa più. L’amore significa combattere, che non è solo la lotta contro, ma la lotta per qualcosa in primo luogo. L’amore deve lottare per realizzarsi. E questo non si applica solo alle relazioni romantiche, ma a tutti i tipi di relazioni. Tendiamo a fuggire non appena qualcosa non funziona nel modo in cui lo vogliamo.
L’anonimato e l’opzione di isolarci ci danno la comodità di ritrarsi e sfuggire ai problemi. In questo modo tendiamo a pensare molto a noi stessi, ed è per questo che ci tiriamo fuori dal “pericolo sociale” di essere criticati. Perché, dopo tutto, c’è l’unica e sicura bolla in cui possiamo rientrare. Questo tipo di paure spesso ci tiene lontani dal vero amore profondo.

Ma anche se è un compito molto difficile superare l’isolamento e l’alienazione sotto il capitalismo e la mentalità del patriarcato vecchia di 5000 anni, è possibile abbandonare vecchie abitudini, comportamenti e credenze, rinnovarsi e rivoluzionare completamente il nostro cuore. Il giovane è, come scrive l’attivista imprigionato del Movimento della Pantera Nera Mumia Abu-Jamal, il naturale vettore dell’energia rivoluzionaria, è capace di cambiare se stesso di fronte alle forze travolgenti, usando i loro corpi – ribollenti di trasformazioni rivoluzionarie – per cambiare i loro ambienti e attuare il cambiamento sociale. Se il giovane compie questo cambiamento radicale, porterà il mondo intero e porterà la nascita di una nuova società costruita sull’amore veramente rivoluzionario.

 

Per realizzare l’amore tra due persone, non è solo essenziale che ognuno di loro subisca un cambiamento. Anche una ribellione collettiva deve emergere.

 

A volte questo può anche significare combattere l’uno contro l’altro. Combattere gli uni contro gli altri non significa odiarsi a vicenda, ma lottare contro il sessismo interiorizzato attraverso la (auto) critica. Le condizioni che rendono l’amore quasi impossibile non devono essere accettate.

Il nostro compagno Mehmet Aksoy (Fîraz Dag) ha lasciato alcune parole potenti: “Non arrendersi al capitalismo, non arrenderti al materialismo, alle relazioni brutte, mancanza di amore, mancanza di rispetto, degenerazione e disuguaglianza. Non arrenderti”. Qualcuno che ama veramente deve combattere contro tutti quei meccanismi che si oppongono all’amore: sbloccare questi meccanismi e ribellarsi contro di loro è una delle nostre responsabilità di giovani rivoluzionari: gli ideali di una società libera devono essere ricercati e tutto il resto non può essere accettato se vogliamo dare all’amore un significato.

L’amore è simile a una rivoluzione. Entrambi sono spesso soggetti a idee sbagliate. Proprio come una rivoluzione non deve mai finire a un certo punto, l’amore non dovrebbe finire in un certo momento. Molte persone pensano che una rivoluzione sia un incidente, solo un momento in cui tutto cambia. Ma la storia e anche gli attuali movimenti rivoluzionari ci insegnano che una rivoluzione è più un processo che un incidente. Una rivoluzione, come possiamo vedere in Rojava (Siria settentrionale), deve essere un processo permanente che include tutte le parti della vita e della società, in modo che gli ideali per cui si è combattuto, continuino ad essere vivi e significativi. Lo stesso vale per l’amore. L’amore non è un incidente, non un evento. Quando parliamo di amore romantico, ad esempio, l’amore non significa innamorarsi una volta e poi si riposa su questo “evento”.
L’amore non è statico. L’amore implica attività, l’amore fa scorrere energia. Amore significa essere in grado di affrontare nuove situazioni e sfide, perché l’amore dà la forza necessaria.

 

Amare veramente significa mutuo sostegno e rispetto, significa essere coraggiosi e onesti, significa portare avanti l’amore nel mondo e allo stesso tempo nutrire e amare la comunità.

 

Come dice il filosofo e psicanalista Erich Fromm: “Se amo veramente una persona, amo tutte le persone, amo il mondo, amo la vita, se posso dire a qualcun altro -ti amo-, devo essere in grado di dire -Io amo tutti voi, amo attraverso voi il mondo, amo anche voi in me stesso”.Siamo lontani dall’aver detto tutto ciò che c’è da dire sull’amore. Anche se, per cominciare, dovremmo capire che l’amore richiede consapevolezza, morale e volontà di cambiare se stessi e la società. In una società caratterizzata da egoismo, rivalità e paura, l’amore non può fiorire. Colui che combatte per amore non conosce più paure e ottiene la forza necessaria per aprire la strada a una società socialista libera.

L’amore è una forza più forte della rabbia, della paura o dell’odio. Costruire qualcosa potrebbe essere più difficile, ma è molto più forte che distruggere qualcosa. E questa potrebbe essere una delle cose più belle che possiamo imparare dal movimento curdo. Uno slogan del movimento curdo dice: Se vuoi vivere, vivi in ​​libertà! – Allo stesso modo in cui giovani, femministe, filosofi, artisti e rivoluzionari possono dire: se vuoi amare, ama nella libertà!

 

Traduzione a cura di Binxet 

Articolo originale: http://theregion.org/article/13568-finding-revolutionary-love-world-of-profound-alienation