ROMA EUROPA MONDO

Tags: CULT

“Io non sono un numero di previdenza sociale”

"I, Daniel Blake", il nuovo film di Ken Loach.

Il nuovo film di Ken Loach è da pochi giorni uscito nelle sale. Già vincitore della Palma d’Oro al festival di Cannes, è un pugno nello stomaco dello spettatore. “I, Daniel Blake” è un film che fa piangere e arrabbiare, Sì, rabbia. Quel mix di stati d'animo che vanno dal senso di impotenza alla irrefrenabile voglia di fare qualcosa. Di agire. Perché solo così si riesce ad avere l’illusione di poter compensare per un attimo lo spaesamento che hai vissuto per i 100 minuti della pellicola.

Daniel Blake è un carpentiere di 59 anni che a causa di un infarto molto grave non può più lavorare. È la storia di Davide contro Golia, che in questo caso è lo Stato o ancora peggio l’azienda privata alla quale lo Stato ha appaltato la gestione della previdenza sociale. La scene iniziali mostrano le difficoltà del singolo che si perde nei meandri della burocrazia, che non conosce margine di errore, che non considera le singole vite ma gestisce solo dati e algoritmi. È il workfare figlio della rivoluzione neoliberale iniziata in Inghilterra da Margaret Tatcher: non ci sono poveri, malati, disoccupati, persone con le loro esigenze, ma solo numeri e regole inderogabili. Regole umane che sembrano al contrario figlie di un ordine naturale delle cose.

Ken Loach schiaffeggia il pubblico per destarlo dal torpore. Mostra nuda e cruda la realtà che molti rifuggono, quella fatta di persone che strappano a morsi giorno dopo giorno un pezzo di vita e di dignità. Una storia che ha il valore di testimonianza di un documentato reportage o di un documentario. I Daniel Blake è un film di classe non perché ne descrive una in particolare, ma perché parla a tutte le classi sociali dicendo però cose diverse, se da una parte ci fa vedere come gli sfruttati come singoli lottano nella disperazione, dall’altra svela come basterebbe una scintilla per far esplodere la polveriera sociale che il sistema ha creato.

Da “Piovono pietre”, passando per “In questo mondo libero” fino ad arrivare a “ I, Daniel Blake”, i film di Loach presentano personaggi sempre più soli, sconfitti. Atomizzati nella loro lotta, stentano ad organizzarsi, a riconoscersi negli altri, a trovare attorno a loro il calore della solidarietà e della lotta. Proprio come noi, ma proprio come noi, non smettono di lottare.

“Io Daniel Blake , sono un cittadino, niente di più, niente di meno” .

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: mercoledì 15 marzo 2017
Pratiche di solidarietà ai confini d'Europa da Atene a Taranto

Pratiche di solidarietà ai confini d'Europa da Ate...

@ Esc Atelier
Tags: mercoledì 15 marzo 2017
Ni Una Menos: un percorso in movimento

Ni Una Menos: un percorso in movimento

@ Communia
Tags: sabato 18 marzo 2017
Dopo l’8 marzo, riflessioni e intersezioni dall’Argentina all’Italia

Dopo l’8 marzo, riflessioni e intersezioni dall’Ar...

Esc Atelier
Tags: giovedì 23 marzo 2017
Presentazione del libro

Presentazione del libro "Tecniche di esposizione" ...

@Esc Atelier
Tags: giovedì 23 marzo 2017
 Dopo Lotto Marzo a Roma: Assemblea pubblica Non una di meno

Dopo Lotto Marzo a Roma: Assemblea pubblica Non u...

@ Communia

Articoli più letti

Cosa rimane dello spazio europeo?

Cosa rimane dello spazio europeo?

14 Mar 2017 - DINAMOpress
12 marzo 1977

12 marzo 1977

12 Mar 2017 - Davide Germani
Tentativi di censura al Cinema Aquila

Tentativi di censura al Cinema Aquila

12 Mar 2017 - redazione