Bussola

venerdì 21 giugno 2019, La città dell'utopia

Info: venerdì 21 giugno 2019 sabato 22 giugno 2019 18:00 23:00 La città dell'utopia
Via Valeriano 3F Roma

XI No Border Fest: libertà di movimento oltre ogni confine

Nei giorni 21 e 22 giugno torna a Roma il “No Border Fest”, organizzato da La Città dell’Utopia, Servizio Civile Internazionale Italia e Laboratorio 53. Il festival, giunto quest’anno all’undicesima edizione, vuole essere un momento di confronto e di convivialità sul tema delle migrazioni attraverso laboratori, esposizioni, dibattiti, teatro e musica.

L’undicesima edizione del No Border Fest si inserisce in un quadro sociale e politico apertamente xenofobo, escludente e ostile nei confronti di tutti i gruppi sociali considerati “stranieri e marginali”, grazie a una campagna elettorale senza fine portata avanti sulla loro pelle e che si è fatta legge con il decreto Salvini su “immigrazione e sicurezza” – con l’intenzione di rafforzarlo in tempi brevi -, in continuità con le misure di quello precedente (dalle leggi Minniti-Orlando ai rinnovati accordi con la Libia in ambito internazionale).
A queste derive fortemente autoritarie, il No Border Fest vuole rispondere con suggestioni basate sulla libertà di movimento e sulla cittadinanza universale. Lo farà attraverso una narrazione e pratiche alternative, orientate a smontare gli stereotipi sulle persone migranti e a decostruire la logica ipocrita di chi afferma “non sono razzista, ma…”, “aiutiamoli a casa loro”, analizzando il carattere strutturale del razzismo e cosa avviene “a casa loro”, rifiutando infine qualsiasi dicotomia “noi vs loro”.

Venerdì 21 giugno, dalle 18.00 presso La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F), il festival darà spazio al confronto “Le nuove frontiere della fortezza europa: strategie politiche, interessi e complicità nella gestione delle migrazioni – spunti ed esperienze dai confini tra Sahel, Libia e Sicilia”, con la partecipazione di Amedeo Ricucci (Giornalista RAI), Costanza Spocchi (giornalista freelance), Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (progetti “In Limine” e “Sciabaca – Oltre il Confine”).
Seguirà poi lo spettacolo di teatro delle ombre “Arianna: una donna il cui nome ha attraversato secoli e frontiere ma che la storia ha voluto «Tenere in ombra»”, a cura di Silvio Gioia.

Sabato 22 giugno, a partire dalle 10.00 (sempre presso La Città dell’Utopia), il festival affronterà i temi dell’autodeterminazione, dell’inclusione sociale e della libertà di movimento attraverso workshop ludici e divulgativi:
“È ora di giocare – Il gruppo AMA di Laboratorio 53 propone un laboratorio di ludopedagogia per giocare i confini” con la collaborazione di Liscìa (previa iscrizione);
“Xenia – Teatro itinerante del Gruppo Sconfinato” a cura di Laboratorio 53 (previa iscrizione)

Nel pomeriggio il festival si fermerà momentaneamente per convogliare nel corteo “Per una città aperta e contro gli sgomberi”, lanciato dagli spazi sociali e occupazioni abitative della città di Roma contro il rischio di sgombero di tutti i presidi di libertà e democrazia, quindi contro la cancellazione di tutta la ricchezza fatta di relazioni sociali, saperi, immobili sottratti all’abbandono e finalmente restituiti alla città.

Il programma

DURANTE IL FESTIVAL
Stand e mercatino delle autoproduzioni migranti, con: Rete Roma Sud, Refugee Scart, Barikamà, Radio Ghetto Voci Libere

VENERDÌ 21 Giugno
Presso La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F, San Paolo)
18.00 – 20.00
“Le nuove frontiere della fortezza europa: strategie politiche, interessi e complicità nella gestione delle migrazioni – spunti ed esperienze dai confini tra Sahel, Libia e Sicilia”
Dibattito con:
Amedeo Ricucci (Giornalista RAI)
Costanza Spocchi (giornalista freelance)
Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (progetti “In Limine” e “Sciabaca – Oltre il Confine”)

20.15
Intervento della Rete Roma Sud, per una città aperta e contro gli sgomberi

20.30
Cena a cura di Makì – Sapori dal mondo

21.30
Spettacolo di teatro delle ombre “Arianna: una donna il cui nome ha attraversato secoli e frontiere ma che la storia ha voluto «Tenere in ombra»”, a cura di Silvio Gioia

SABATO 22 Giugno
Presso La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F, San Paolo)
10.00 – 13.00
“È ora di giocare – Il gruppo AMA di Laboratorio 53 propone un laboratorio di ludopedagogia per giocare i confini” con la collaborazione di Liscìa (per info e prenotazioni: info@laboratorio53.it)

13.30
Pranzo a cura di Makì – Sapori dal Mondo

16.00
Piazza Vittorio Emanuele II
“Per una città aperta e contro gli sgomberi” – corteo cittadino

19.30 – 21.00
“Xenia – Teatro itinerante del Gruppo Sconfinato” a cura di Laboratorio 53
Lo spettacolo si svolgerà in tre turni: 19.30, 20.00, 20.30 (per info e prenotazioni specificando il turno: info@laboratorio53.it)

20.30
Cena a cura della Biosteria dell’Utopia

21.30 – 22.30
CIP Orkestra in concerto