Bussola

giovedì 15 marzo 2018, Esc Atelier

Info: giovedì 15 marzo 2018 giovedì 15 marzo 2018 19:30 22:30 Esc Atelier
Via dei Volsci 159 ROMA

15.03 – Glossopetrae + Still Life live set @Esc

Giovedì 15 marzo a Esc Atelier – Via dei Volsci 159,

dalle ore 19.30:

un doppio appuntamento dedicato a due progetti che in modo differente sperimentano e sondano le sinergie possibili tra parola, suono, musica e immagini video.

Per sonorizzare la lettura di GLOSSOPETRAE / TONGUESTONES di Simona Menicocci, Luca Venitucci ha approntato un dispositivo di produzione sonora costituito da pietre – come le pietre che in parole e concetti ricorrono all’interno del testo. L’amplificazione e il trattamento elettroacustico sono stati i metodi adottati affinché tramite le pietre – corpi solidi, compatti, non vibranti, sordi – fosse possibile realizzare suoni. Gli interventi sonori in tal modo prodotti, dotati di un elevato coefficiente di aleatorietà e di imprevedibilità, non accompagnano, né tantomeno musicano, la lettura, ma si propongono come elementi altri, che condividendo lo stesso spazio acustico delle parole dette, interagiscono – o interferiscono – con esse, aggiungendo altra materialità – una ennesima stratificazione – alla già densissima geologia che il testo stesso costituisce e pone in opera.

STILL LIFE LIVE SET è la sonorizzazione dei quadri verbali di Adriano Padua, in un viaggio tra sonorità rock, electro, hip hop. Dimensione orale della parola e suono che si fanno corpo, musica e poesia in dialogo, due arti che sono sorelle gemelle e si accompagnano l’una all’altra fin dalle origini. Le musiche originali sono di Corrado Di Maria, Lorenzo Azzaro, Dj Fuzzten.

**

Simona Menicocci (1985) sopravvive a Roma da quasi 20 anni. Ha pubblicato per le edizioni de La Camera Verde Incidenti e provvisori (2012) e Posture Delay (2013); alcuni testi dal progetto Saturazioni nel volume antologico di scritture sperimentali Ex.It – Materiali fuori contesto (Tielleci, Colorno, 2013); il testo italo-francese Il mare è pieno di pesci – La mer est pleine de poissons per la prima serie dei Fogli bilingue Benway Series (Tielleci, Colorno, 2014); Manuale di ingegneria domestica per la collana Chapbooks (Milano, Arcipelago Edizioni, 2015); glossopetrae / tonguestones per la collana syn (Roma, IkonaLiber, 2017). Suoi testi sono apparsi in riviste, lit-blogs e web-zines tra cui «L’Ulisse», «Nazione Indiana», «alfabeta2», «Il caffè letterario». Collabora al collettivo «eexxiitt.blogspot.com». Nel 2014 è stata tra i curatori della rassegna di arte e scrittura sperimentali Ex.it – Materiali fuori contesto (Albinea, RE) e ha partecipato alla rassegna Generazione y – poesia italiana ultima presso il Museo Maxxi di Roma. Nel 2015 ha curato assieme a Fabio Teti un ciclo di laboratori di scritture ‘divergenti’ dal titolo prove d’ascolto, presso il WSP photography di Roma.

Luca Venitucci (1969) musicalmente attivo dalla fine degli anni ’80, è componente e co-fondatore del gruppo Ossatura ed ha fatto inoltre fatto parte per diversi anni dell’ensemble Zeitkratzer. Ha partecipato a numerosi progetti e collaborazioni con musicisti improvvisatori e compositori (Alvin Curran, Mike Cooper, Peter Kowald, Otomo Yoshihide, Gianni Gebbia, Thomas Lehn, Axel Dorner, Tim Hodgkinson, John Butcher, Giancarlo Schiaffini, Alessandro Bosetti e molti altri) scrittori (Lidia Riviello, Michele Zaffarano, Silvia Tripodi, Simona Menicocci, Marco Giovenale), attrici/ registe (Federica Santoro, Fiora Blasi) e danzatrici (Alessandra Cristiani). Ha tenuto concerti in numerosi festival e rassegne italiane ed estere, tra cui MontagsMusik (Berlin), FIMAV (Victoriaville), Angelica (Bologna), Festival di Nuova Consonanza (Roma), Total Music Meeting (Berlin), Fundaciò Joan Mirò (Barcelona), Densités (Verdun), Controindicazioni (Roma), Musique Action (Vandoeuvre-les-Nancy), ed ha inciso album per diverse etichette, tra le quali Die Schachtel, Charizma, Selektion, Tourette e ReR.

Adriano Padua è nato a Ragusa il 6/7/1978. Ha pubblicato le seguenti opere: Le Parole Cadute (d’if, 2009), Alfabeto provvisorio delle cose (Arcipelago, 2010), La presenza del vedere (Polimata, 2010), Schema (d’if, 2012), Still Life (Miraggi, 2017). Come performer ha partecipato ai maggiori festival e appuntamenti nazionali di poesia (Romapoesia, Parmapoesia, Absolute Poetry di Monfalcone, Festival della poesia civile di Vercelli, Poesia Presente di Milano, Notte Bianca di Roma, RicercaBo di Bologna). Suoi testi sono presenti in numerose antologie, riviste e siti web. Lavora nel campo della comunicazione e esegue i suoi testi con la collaborazione di dj e musicisti.

Dj Fuzzten è un turntablist, appassionato musicista del giradischi, collezionista di vinile e un quarto della crew romana JunglaBeat, unico esempio in Italia di crew che incorpora sul palco tutte le discipline musicali dell’hiphop. Nel 2005 entra a far parte della crew romana JunglaBeat con la quale produce un album e alcuni Ep. Dopo l’arrivo a Roma, condivide il palco e lo studio di registrazione con numerosi artisti della scena hiphop, tra questi: Assalti Frontali, Lord Madness, Kento, il giovane Sace e molti altri. Le capacità tecniche, miste ad una selezione musicale di puro stampo hip hop fanno di dj Fuzzten una sicurezza per quanto riguarda stile ed originalità, sia sui palchi che in studio di registrazione.