Ecco cosa c’è dietro Freeda

Uno dei social “femministi” più popolari degli ultimi tempi come esempio delle nuove frontiere del corporate pinkwashing e del marketing aziendale su Facebook. Con i soldi della famiglia Berlusconi.