roma

ROMA

Attacco razzista alla scuola Pisacane: i genitori prendono parola

di I genitori della scuola Carlo Pisacane
Sulla facciata della Scuola Pisacane a Torpignattara erano stati appesi cartelli in varie lingue per lanciare l'abituale festa scolastica in occasione della "Giornata contro il razzismo e per i diritti delle persone migranti". Al rientro dalle vacanze di Natale uno degli striscioni della festa era stato bruciato. Un segnale preoccupante a cui i genitori della Pisacane rispondono con un comunicato

italia

ITALIA

Il caso Koulibaly: a che punto è l’antirazzismo in Italia?

di Andrea Caroselli e Miguel Mellino
I cori contro il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly, hanno suscitato un grande dibattito durante le festività natalizie. Ma cosa ci dice la reazione, mediatica e istituzionale, che è seguita a questi episodi? Qual è lo stato dell’ordine del discorso antirazzista in Italia?

mondo

MONDO

Decolonizzare la vita: 25 anni imparando dall’EZLN

di Carlos Soledad
Di fronte all’attuale crisi sociale e civile, è impossibile puntare su alternative sistemiche finché continueremo a ragionare dal punto di vista della modernità capitalista, coloniale e patriarcale. La scelta più ragionevole sarebbe imparare da chi da più di cinque secoli prova ad opporcisi: i popoli indigeni, in particolare quelli che fanno parte del movimento zapatista

europa

MOVIMENTO

Lettera di un gilet jaune italiano ai gilets jaunes francesi: “il governo italiano sostiene la nostra lotta?”

di un gilet jaune
Abbiamo ripreso dalla rete, e tradotto per il pubblico italiano, questo testo che riguarda le recenti dichiarazioni a sostegno del movimento che da settimane sta scuotendo la Francia del vice-premier e leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio. Questa lettera ha circolato nella giornata di ieri nelle reti sociali e nelle pagine fb dei gilet gialli stimolando un interessante dibattito sulle prospettive del movimento

cult

CULT

1977. L’anno in cui a New York nacque il neoliberismo

di Jacopo Favi
New York, 1977. Il "Deuce", il quartiere dove regnavano prostituzione, spaccio e piccola criminalità di strada viene ripulito e lascia spazio a quell'insieme di grattacieli e cartelloni pubblicitari luminosi che è il Times Square dei giorni nostri. Su Sky Atlantic si è da poco conclusa la seconda stagione di "The Deuce", il nuovo show di David Simon che a partire dalle trasformazioni del mercato del sesso racconta la nascita del neoliberismo nella grande mela
CULT

C’è poco da Ride. Intervista a Valerio Mastandrea

di Emiliano Viccaro

Una chiacchierata a tutto campo con Valerio Mastandrea, alle prese con la sua prima regia, Ride. Un film sul dolore, le forme di resistenza e la rappresentazione pubblica. Nel tempo del cinismo di massa e del cinema come arma culturale da reinventare

video

Marcellino Fonte: "San Lorenzo non è morta"

Non una di meno contro il DdL Pillon! Stato di agitazione permanente verso il 24 novembre!

NON UNA DI MENO CONTRO IL DDL PILLON! Non una di meno contro il DdL Pillon! Stato di agitazione permanente verso il 24 novembre! Ci volete ancelle, ci avrete ribelli! Ci vogliono ancelle, portiamo la tunica rossa e la cuffia bianca simbolo del potere politico, clericale e economico che tenta di allungare le mani sulle nostre vite, i nostri corpi e le nostre scelte. Siamo donne, lavoratrici, precarie, migranti, madri, singole, lesbiche, trans a cui il governo vuole togliere spazio e autonomia. Il disegno di legge del senatore pillon è una vendetta nei nostri confronti e noi lo bloccheremo. Vogliamo separarci se non amiamo più, se viviamo condizioni di violenza domestica, psicologica e sessuale. Vogliamo farlo tutelando la serenità dei nostri figli e le loro esigenze. Vogliamo condividere la cura dei nostri figli se e solo se ce ne sono le condizioni, senza che ci sia l’obbligo della mediazione familiare che tratta i minori come un patrimonio da spartirsi. Vogliamo poter denunciare abusi e violenze senza rischiare che per questo ci venga tolto l’affido. Vogliamo liberarci dalla violenza della povertà, della precarietà, della dipendenza economica. Vogliamo un reddito di autodeterminazione incondizionato e individuale per poter essere libere di decidere. Vogliamo scegliere sempre e senza ostacoli se avere o non avere figli.La maternità è desiderio non un destino. Vogliamo gli obiettori fuori dagli ospedali e dai consultori. Vogliamo poter decidere senza obblighi né condizionamenti se e come interrompere una gravidanza non desiderata o rischiosa per la nostra vita. Vogliamo la pillola abortiva ru486 senza ospedalizzazione fino a 63 giorni anche nei consultori. Vogliamo consultori laici e aperti alle assemblee delle donne per incontrarci e decidere della nostra salute, della nostra sessualità, della nostra maternità. Ci vogliono ancelle, ci avranno ribelli! Saremo in piazza a Roma il prossimo 24 novembre contro la violenza, sistematica e strutturale, contro le donne, le migranti e le soggettività libere. Sarà marea femminista senza bandiere e simboli identitari. I nostri corpi ci rappresentano. Lo stato di agitazione permanente verso lo sciopero globale delle donne dell’8 marzo è appena cominciato! Video per Non Una Di Meno - Roma realizzato da: Gaiardona Dg, con contributi di Lau Chourmo, Rossella Granata

Pubblicato da NON UNA DI MENO su Lunedì 12 novembre 2018

Roma, sgombero del Baobab a Tiburtina

Lo sgombero del Baobab Experience avvenuto questa mattina a Stazione Tiburtina. Per le persone mandate via da piazzale Maslax non è stata proposta nessuna soluzione alternativa

Pubblicato da DINAMOpress su Martedì 13 novembre 2018

speciali

MOVIMENTO

L’attuale inattualità di Elvio Fachinelli

di DINAMOpress
Speciale di DINAMOpress dedicato a Elvio Fachinelli. Medico psichiatra, psicanalista, militante, Fachinelli ha percorso il lungo ’68 italiano attraversando i "fuori tema" del femminismo, della sessualità, dell'infanzia, dei movimenti non autoritari. Nell’epoca oscura che stiamo vivendo, questa raccolta di testi e interventi vuole riscoprire l’“attuale inattualità” del suo pensiero
MOVIMENTO

Ma l’amor mio non muore: speciale Primo Moroni

di redazione
Speciale di DINAMOpress dedicato ai venti anni della scomparsa di Primo Moroni, militante rivoluzionario, intellettuale, instancabile e visionario organizzatore della cultura indipendente, fondatore della libreria Calusca di Milano. Alla sua figura è legata la memoria del lungo Sessantotto italiano così come i germi dell'immaginario politico dei movimenti del nostro presente