ROMA EUROPA MONDO

Tags: ROMA

Lo hai avuto Sindaca Raggi

5Stelle e Forza Italia hanno dato il via libera allo stadio che arriva da Oltreoceano, in una città chiusa a chi viene da vicini mari

Lo hai avuto Sindaca Raggi, quello stadio, che forse a tua insaputa, dicevi di non volere e che hai ottenuto come interesse pubblico. Ieri in aula, dopo aver applaudito il tuo “nuovo” assessore che, con un colpo di penna ha cancellato molti di quei milioni di euro che avrebbero dovuto pagare chi lo stadio vuole, non della Roma ma per la Roma, hai detto che ha vinto la città. Ora lo stadio è un lavoro fatto bene.

Hai detto: è un’opera che serve a tutta la città. Quando Sindaca Raggi, ai municipi, sei andata a chiedere quella seccatura del parere preliminare, lo hai fatto normalizzandone preliminarmente uno (IX), con l’invio di tuoi ascari nel territorio per renderlo affidabile, facendone tacere un altro (XI), perché toccato dal progetto solo di “striscio”. Al resto della città non hai chiesto nulla e non hai ascoltato quanto ti diceva. Tutto ridotto ad una discussione tra fidati amici. Questo chiedevano da Milano e Genova. Questo hai fatto.

Ora pretendi, Sindaca Raggi, il nostro grazie per averci salvato dal diluvio del cemento. Hai detto che la cubatura complessiva è andata giù del 50%. A furia di dirlo hai finito con il crederci. Lo capiamo, vedere le carte non è facile, i colori danno agli occhi quando fa caldo. Il tuo “nuovo” assessore, quello che muovendosi sulle bancarelle edilizie sa come farti risparmiare tra “palazzine” e “grattacieli”, si è forse scordato di dirti che la riduzione vale per solo uno dei tre comparti (Business Park), che, mettendo insieme tutto, la tua sporta della spesa è alleggerita solo del 35%.

Non sono solo queste le cose che non hai visto ma seguirti su questi conti ci porterebbe indietro da dove siamo partiti. Alla delibera del Sindaco Marino e alle modalità di costruzione di quest’iniziativa, a tutto quanto hai votato, a tua insaputa naturalmente, contro. Ora pretendi di dirci come vorrai tirare su questo monumento in questa città che per te Sindaca Raggi, deve trovare posto per simili oggetti edilizi (li vogliono a Milano e Genova) ma non per chi chiede un riparo per tirarsi fuori dal terrore della guerra e dalla fame (anche questo vogliono a Milano e Genova).

Ora la tua sporta pesantissima, uguale ma solo un po’ più leggera di quella di Marino, dovrai iniziarla a svuotare. Su quello stesso tavolo, che, altri, hanno apparecchiato per la città. Ti hanno lasciato come unica scelta la possibilità di sederti, neppure di scegliere dove. Tu hai deciso di farlo contenta di appoggiare i gomiti non le mani su quella tovaglia. Avevi detto che la tavola della rendita sarebbe stata bandita dalla carta della nostra città. La hai usata invece, Sindaca Raggi, per incartarci la città.

 

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 20 ottobre 2017
Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e post verità

Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e pos...

@ Csa Astra
Tags: sabato 21 ottobre 2017
15 anni di Strike

15 anni di Strike

@ Strike
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Swing for CLAP

Swing for CLAP

@ Esc Atelier
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Festival Impunita

Festival Impunita

@ Acrobax
Tags: domenica 29 ottobre 2017
Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno liberazioni

Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno libe...

@ Casale Garibaldi

Articoli più letti

Lo scandalo dell’uguaglianza

Lo scandalo dell’uguaglianza

15 Ott 2017 - Michele Dal Lago
La Variante Gentista

La Variante Gentista

14 Ott 2017 - Giuliano Santoro*
Interregno... is coming

Interregno... is coming

10 Ott 2017 - redazione