ROMA EUROPA MONDO

Tags: ROMA

La città solidale irrompe in Consiglio comunale

Oggi diversi attivisti del Rialto e della Rete Decide Roma hanno interrotto i lavori del Consiglio comunale per denunciare lo sgombero del Rialto e l'ipocrisia delle "soluzioni" trovate , nonché per rivendicare un processo realmente partecipativo alla costruzione del regolamento sul patrimonio pubblico. Sono stati esposti bandiere dell'acqua pubblica e cartelli con le scritte: “la città solidale non si sgombera e non si mette a bando”, “siamo in credito, non siamo in debito” e “#sgomberorialto, mACQUAle bando non siamo corrotti". Tra i temi denunciati c'è infatti lo sgombero della sede nazionale del Forum dei Movimenti per l'Acqua, tema che (in teoria) rappresenta la "prima stella" della forza politica al governo della capitale.

Al termine di quest'azione è stato ottenuto un incontro con l'Assessore Mazzillo durante il quale è emerso che:

- l'Amministrazione non ha intenzione di individuare alcuna soluzione alternativa per garantire la continuità delle attività portate avanti dalle realtà presenti al Rialto;

- l'Amministrazione non ha ancora cognizione di causa rispetto all'attuazione della delibera 40/04 e quindi della possibilità di trasferimento delle realtà all'ex-autoparco dei vigili urbani;

- l'Amministrazione non è ancora in grado di segnalare i tempi con cui prenderà avvio la discussione sul regolamento sul patrimonio pubblico;

- l'Amministrazione non prevede di mettere in campo nessun percorso partecipativo reale e di confronto con la città sul tema del regolamento;

- la Giunta sta lavorando a una direttiva con cui da indicazioni al Dipartimento Patrimonio di esaminare le determine di sgombero e richiesta di arretrati emesse dall'approvazione della delibera 140 a oggi per valutare caso per caso l'eventuale ritiro in autotutela in conformità con quanto già affermato, in linea di principio, nelle sentenze. Soluzione ben lontana quindi dal blocco degli sgomberi e delle richieste economiche, dall'atto politico che nemmeno caduto l'alibi del danno erariale, agitato della Procura della Corte dei Conti, la Giunta è disposta a assumersi.

Alla luce di tutto ciò, ribadiamo che proseguiremo la mobilitazione con cui denunciare l'atto di forza dello sgombero del Rialto e la vergognosa strategia mediatica costruita con il bando cucito su misura del Forum Acqua, nonché per realizzare un vero percorso partecipativo sul regolamento al fine di giungere ad un provvedimento che concretamente tuteli gli spazi sociali e le realtà associative recependo il principio dei beni comuni urbani.

#RomaNonSiVende

#DecideRoma

#Rialtoliberato

Fonte: DecideRoma

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 20 ottobre 2017
Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e post verità

Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e pos...

@ Csa Astra
Tags: sabato 21 ottobre 2017
15 anni di Strike

15 anni di Strike

@ Strike
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Swing for CLAP

Swing for CLAP

@ Esc Atelier
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Festival Impunita

Festival Impunita

@ Acrobax
Tags: domenica 29 ottobre 2017
Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno liberazioni

Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno libe...

@ Casale Garibaldi

Articoli più letti

Era il '77 a Roma

Era il '77 a Roma

08 Ott 2017 - Giulia Orazi
Lo scandalo dell’uguaglianza

Lo scandalo dell’uguaglianza

15 Ott 2017 - Michele Dal Lago
La Variante Gentista

La Variante Gentista

14 Ott 2017 - Giuliano Santoro*