ROMA EUROPA MONDO

Tags: POTERI

Dietro i soldi di Putin al Front National spunta anche Casa Pound

Riguardano anche l'Italia gli scoop della giornalista francese Marine Turchi, che ha scoperto che una banca russa vicina a Vladimir Putin presterà al Front National 9 milioni di euro da investire nella prossima campagna elettorale.

Come spesso capita quando si parla di estrema destra e neofascisti, spuntano fiumi di quattrini, affaristi e alleanze spregiudicate. Meno di un mese fa, ricorda Daniele Ranieri sul Foglio, Turchi si era occupata del “congresso europeo” del Fn cui hanno partecipato le delegazioni dei neonazisti di Alba dorata. “Les Italiens de CasaPound" figurano addirittura come “co-organizzatori” del consesso. Il gruppo italiano dei “fascisti del terzo millennio”, secondo Turchi sarebbe “al servizio di Frederic Chatillon", consigliere ufficioso di Marine Le Pen che si è trasferito a Roma e gestisce una società di comunicazione, la Riwal France, che ha sede anche a Roma. Riwal si occupa di "realizzare campagne pubblicitarie". Il congresso di Parigi, dove è intervenuto parlato anche il presidente Gianluca Iannone, leader di CasaPound - è stato "il punto culminante di un tour promozionale per fare conoscere CasaPound in Francia.

Nel luglio 2012, Chatillon, oggi trait d'union tra CasaPound e il Front national, incassava finanziamenti da parte del governo siriano del presidente Bashar el Assad, cui CasaPound non mancò di manifestare solidarietà nel bel mezzo della guerra civile e dello scontro sull'uso delle armi chimiche da parte del regime. La Riwal di Chatillon, ha scritto Turchi, prendeva “tra i centomila e i centocinquantamila euro l'anno dall'ambasciata siriana a Parigi”, “per la promozione del paese”.

Marine Turchi è ormai la bestia nera del Fn, come sottolinea opportunamente Ranieri, al punto che le viene negato l'accesso agli eventi di partito con le scuse più improbabili. Per solidarietà, molti giornalisti delle maggiori testate francesi hanno disertato gli stessi eventi. Intanto il tesoriere del Front, Wallerand de Saint-Just (ritratto da Mediapart mentre fa il saluto fascista) ha ammesso di aver chiesto il soccorso economico di una banca vicina a putin Putin perché “qui in Europa nessuno ci avrebbe prestato un centesimo”. Inutile aggiungere che il Front national ha posizioni filorusse e sostiene il presidente Putin con sintonia perfetta: dall'elogio dei “valori tradizionali” alla guerra civile in Ucraina. All'inizio del mese scorso, il Front aveva partecipato con la Lega (il cui segretario da tempo si produce in elogi sperticati a Putin) e CasaPound al Forum nazionale russo organizzato dagli ultranazionalisti di Rodina. «Vogliamo costruire un movimento che unisca tutte le forze nazionaliste d’Europa e sostenga la battaglia in difesa dei valori tradizionali, sia sul piano ideale che su quello dell’azione», hanno detto i camerati russi in quell'occasione.

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 20 ottobre 2017
Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e post verità

Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e pos...

@ Csa Astra
Tags: sabato 21 ottobre 2017
15 anni di Strike

15 anni di Strike

@ Strike
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Festival Impunita

Festival Impunita

@ Acrobax
Tags: domenica 29 ottobre 2017
Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno liberazioni

Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno libe...

@ Casale Garibaldi
Tags: venerdì 29 settembre 2017
Queer Infection Lab

Queer Infection Lab

@Hacker Porn Film Festival