ROMA EUROPA MONDO

Tags: TERRITORI

Bologna, 20mila in corteo. Làbas è oltre Làbas

Per la città di Bologna, quello sfilato ieri è uno dei più grandi cortei degli ultimi anni. «Siamo 20mila», gridano dal camion. E la piazza sussulta . La «grande manifestazione» era stata lanciata dal collettivo di Làbas subito dopo lo sgombero dell'8 agosto scorso, subito contemporaneamente al centro sociale Crash. Da subito, era iniziato a circolare un messaggio secco: #riapriAMOlàbas. Una campagna durata un mese che ha fatto schierare pezzi importanti di città, dal mondo dell'associazionismo a quello sindacale, e che il 30 agosto ha raccolto oltre mille persone in un'enorme assemblea serale.


È solo grazie alla pressione esercitata da questa campagna, che il giorno prima del corteo il sindaco Merola è stato costretto a rivedere le sue posizioni iniziali e ad accettare pubblicamente tutte le rivendicazioni formulate dal collettivo: continuità temporale e spaziale di tutte le attività, di Làbas. In questo modo, proprio alla vigilia della manifestazione, l'esponente del PD ha provato, da un lato, a rimediare alla figuraccia di uno sgombero che non è piaciuto a nessuno e, dall'altro, a evitare che una nuova probabile occupazione trovasse autonomamente un spazio per Làbas.

Il corteo ha portato in piazza la Bologna migliore, quella delle lotte e della solidarietà. Tantissimi i giovani, a testimonianza del grande lavoro fatto in questi cinque anni di attività all'interno dello spazio sociale. Autobus e macchine hanno raggiunto la capitale emiliana da Roma, Napoli, Lecce, Pisa, Genova, Milano, Rimini, Reggio Emilia, Bergamo, Val Susa «per Làbas, ma oltre Làbas». Oltre l'opposizione agli sgomberi e la difesa delle esperienze di autogestione, infatti, sono stati tanti i temi che hanno animato la manifestazione: dall'opposizione alle politiche securitarie e razziste, alla richieste di libertà di movimento e diritti per tutti; dal rifiuto dell'austerità a livello nazionale e locale, alla rivendicazione del potere decisionale delle comunità sui territori e sugli spazi urbani.


«Quello di oggi è un passo fondamentale, ma ancora non abbiamo vinto nulla. Làbas ha ancora tanta strada davanti e da domani la lotta per lo spazio deve continuare», ha detto un'attivista. Nelle prossime settimane saranno più chiari i contorni della vicenda relativa all'assegnazione dello spazio transitorio. Merola ha assicurato che entro due mesi le attività di Làbas avranno una nuova casa. Dopo la piazza di ieri, il sindaco è avvisato. Con Làbas non si scherza.

LIVE STREAMING

Tags: sabato 11 novembre 2017
 Sabato Passeggiata transfemminista al Pigneto! Verso 25N

Sabato Passeggiata transfemminista al Pigneto! Ve...

@Pigneto
Tags: martedì 14 novembre 2017
Benzina sul fuoco. 5 anni di DINAMOpress

Benzina sul fuoco. 5 anni di DINAMOpress

Esc Atelier
Tags: giovedì 16 novembre 2017
16 Novembre Assemblea verso il corteo del 25 novembre

16 Novembre Assemblea verso il corteo del 25 novem...

@ La Sapienza
Tags: giovedì 16 novembre 2017
CALL for participation! Prendi posizione, partecipa, organizzati

CALL for participation! Prendi posizione, partecip...

@ Esc Atelier
Tags: venerdì 17 novembre 2017
Kernelpanik Presents Mutoid Waste Company

Kernelpanik Presents Mutoid Waste Company

@ Forte Prenestino

Articoli più letti

Colpi di testa

Colpi di testa

09 Nov 2017 - Ubik
Ripensando Lenin: a 100 anni dall'impresa

Ripensando Lenin: a 100 anni dall'impresa

07 Nov 2017 - Cult redazione
Virginia Raggi prepara la città dell'esclusione

Virginia Raggi prepara la città dell'esclusione

04 Nov 2017 - Rossella Marchini e Antonello Sotgia