ROMA EUROPA MONDO

Tags: mercoledì 11 ottobre 2017

La Catalogna dopo il referendum

In queste ultime settimane, tutti gli occhi sono puntati su quello che sta accadendo a Barcellona e in Catalogna. Sui televisori e sulle prime pagine dei giornali scorrono le immagini degli arresti dei politici catalani e delle risposte di massa delle piazze, della disobbedienza civile di decine di migliaia di persone e della brutalità della Guardia Civil, dei cortei spontanei e dello sciopero generale.
È ormai in corso uno scontro profondissimo tra il diritto a decidere dei cittadini e l'autoritarismo del governo di Rajoy, che affonda le radici nel dogma post-franchista dell'unità nazionale spagnola.
Il referendum del 1° ottobre ha fatto sconfinare il tema dell'indipendentismo catalano al di là del perimetro geografico della regione di Barcellona e delle sue vicende politiche interne. Da un lato, mettendo a nudo la fragilità su cui si regge il patto sociale della Costituzione del 1978 e dall'altro ponendo alcune questioni democratiche direttamente su un piano europeo.
Cosa ha portato a questo enorme scontro tra classi dirigenti e tra Stato e popolazione? Come si compone il fronte indipendentista e che cosa punta a ottenere con la costruzione di un nuovo Stato? Quali effetti può produrre la mobilitazione catalana rispetto alle lotte sviluppate nel resto della Spagna e agli equilibri consolidati nell'Unione Europea? Che tipo di rischi comporta una linea di scontro che si definisce principalmente rispetto al tema dell'indipendenza nazionale? Come la mobilitazione sta riarticolando i rapporti di forza tra i diversi orientamenti politici del movimento indipendentista? Che tipo di processo costituente si potrebbe definire, se l'indipendenza venisse ottenuta, tra le posizioni di «radicalismo neoliberale» di una parte (maggiorataria) del fronte indipendentista e le rivendicazioni di democrazia diretta e radicale delle componenti di sinistra?
Per provare a rispondere a queste e ad altre domande discuteremo con Nuria Gibert (portavoce nazionale della CUP, Candidatura d'Unidat Popular) e Giulio Caldiron (giornalista de Il Manifesto) a partire dal libro: Catalogna indipendente. Le ragioni di una battaglia (Manifesto Libri http://bit.ly/2g8bHUh). Un testo che offre una veloce panoramica sulle posizioni degli indipendentisti di sinistra, con l’obiettivo di offrirne una migliore comprensione al resto del mondo e, in particolare, alle diverse anime della sinistra nei vari Paesi europei.

Núria Gibert è membro della Segreteria nazionale della CUP ed è portavoce nazionale.
Guido Caldiron è giornalista del quotidiano Il Manifesto, esperto di movimenti di estrema destra e autore di numerosi libri. Ha vissuto diversi anni in Catalogna.
DINAMOpress è un sito di informazione indipendente, nato dentro i movimenti, che da cinque anni diffonde desideri di rivolta, libertà e giustizia sociale.

[Durante l'iniziativa, aperitivo a sostegno del progetto Esc Infomigrante]

VIDEO

VIDEO

VIDEO

VIDEO

LIVE STREAMING

Tags: venerdì 20 ottobre 2017
Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e post verità

Lercio. Lo sporco che fa notizia: tra bufale e pos...

@ Csa Astra
Tags: sabato 21 ottobre 2017
15 anni di Strike

15 anni di Strike

@ Strike
Tags: venerdì 27 ottobre 2017
Festival Impunita

Festival Impunita

@ Acrobax
Tags: domenica 29 ottobre 2017
Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno liberazioni

Città Senza Frontiere. Mutualismo autogoverno libe...

@ Casale Garibaldi
Tags: venerdì 29 settembre 2017
Queer Infection Lab

Queer Infection Lab

@Hacker Porn Film Festival